Festival Troia Teatro 2017

Vincitore lo spettacolo "Verso une flèche" della compagnia torinese Tecnologia filosofica

Si è tenuta a Troia, nella piazza antistante la cattedrale, la consegna del Premio Eceplast all’interno del Festival Troia Teatro 2017 (XII edizione). Presenti Francesco Caserta (direttore organizzativo del Festival), Francesco Ottavio De Santis (direttore artistico), Fausto Aquilino (Assessore al bilancio e alla cultura del comune di Troia), Nicola Altobelli (direttore commerciale di Eceplast).

Vincitore lo spettacolo “Verso une flèche” della compagnia torinese Tecnologia filosofica a cui va il premio di 1500€.

Così la motivazione espressa dalla giuria composta dai critici teatrali: Maria Teresa Surianello (Tuttoteatro), Alessandro Toppi (Il Pickwick) e Nicole Jallin (Tempi):

“Dopo un’attenta analisi valutativa degli spettacoli in concorso e considerato il buon livello della maggioranza dei lavori visti, la giuria ha deciso di assegnare il premio Eceplast – all’interno della dodicesima edizione del Festival Troia Teatro 2017 – a “Verso une flèche” di Tecnologia Filosofica (Francesca Cinalli, Paolo De Santis e Sara Girardo) per l’originalità della proposta relativa al tema del rito, sviluppata in un uso rigoroso del corpo delle due danzatrici-performer, inserite in uno spazio che si estende oltre il limite scenico convenzionale. Per l’utilizzo di materiali ed elementi simbolici pensati e costruiti seguendo un processo artigianale curato nei dettagli; per l’esperienza estetica offerta al pubblico attraverso una complessa struttura drammaturgica di spazi e corpi che riconduce lo spettatore verso gli archetipi esistenziali: la vita e la morte”.

“In questo festival il senso comunitario ha raggiunto livelli altissimi – ha sostenuto il direttore organizzativo del festival Francesco Caserta. Il pubblico si è appassionato agli spettacoli, partecipando ad accesi talking organizzati da Teatri 35. Un ringraziamento speciale va alle compagnie che sperimentano gli spettacoli in contesti non sempre semplici, all’amministrazione che ha sostenuto fortemente la kermesse. Un sentito grazie alla città di Troia, alla giuria di esperti giornalisti che hanno valutato i sette spettacoli in concorso e alle diocesi che ci hanno aperto le porte di tanti spazi”.

Sottolinea l’assessore Fausto Aquilino: oltre a riportare i saluti del Sindaco di Troia Leonardo Cavalieri: “Sono contento dell’esito del festival; è stato un grande successo. formazione che vince non si cambia. Grazie alla città, agli sponsor del festival (Sica dal 1929 ed ECEplast), grazie a Teatri 35 e a tutti coloro che hanno partecipato al festival”.

Francesco Ottavio De Santis, direttore artistico del Festival, si mostra soddisfatto della riuscita della rassegna che, afferma, ha regalato tante emozioni: “è una vera e propria perla il Festival Troia Teatro. Sono stati sette lavori bellissimi quelli presentati nel concorso Eceplast, sono felice di averli ospitati. Il concorso è sempre più importante, aiuta a definire la tematica intorno cui ruota ogni nuova edizione della kermesse”.

Afferma Nicola Altobelli dell’azienda ECEplast: “sono felice di portare il mio contributo in questo festival che ormai – parlando di riti – è un appuntamento rituale dell’estate troiana che si ripete da dodici anni”.

Emozionato il regista nonché autore della pièce Paolo De Santis spiega quanto sia commuovente vedere che esista un festival così, che da anni continua a apportare novità, anche sperimentali, con passione e autenticità e sottolinea: “Sono felice di vedere tanta gente che partecipa attivamente, affollando le piazze e le strade di Troia. Invito tutti voi a continuare a essere visionari e continuare il vostro volo. In ogni volo c’è un arco che si tende”.

E l’autrice e performer Francesca Cinalli conclude: “Siamo approdati in varie parti di Italia tra Sardegna e Puglia, è stato un viaggio lungo. Nella visione del momento rituale mi auguro che possiamo sognare insieme”.