Mostra omaggio a Tullio Romano, autore di canzoni come “Sei Diventata Nera” e “Quando calienta il sol”

La mostra sara` inaugurata il 2 settembre nella Saletta Fondazione Cr Carpi

Gli appassionati di musica sono già in fibrillazione per la mostra Omaggio a Tullio Romano, nato a Brescia, ma diventato carpigiano d’adozione.  Romano era uno dei componenti dei Los Marcellos Ferial storico gruppo degli anni 60’.

Saranno presenti  Bruna Ciapini compagna di Tullio e presidentessa della Fondazione Tullio Romano, del sindaco di Carpi Alberto Bellelli e del presidente della Fondazione Cassa Risparmio Carpi Giuseppe Schena, all’ouverture seguirà un breve brindisi. 

Una vita straordinaria quella di Romano raccontata dai testi del giornalista Angelo Giovannini.  Con l’esposizione di oggetti, documenti, dischi, spartiti, curiosità, foto, articoli e brevi video che, tutti insieme, riescono a dare un’idea del percorso professionale e artistico di Tullio Romano, a suggerire cosa sia stata la sua vita. Si scoprirà così cos’hanno in comune brani così distanti tra loro come John Brown e Sei diventata nera, Bella ciao e Angelita di Anzio, Lilì Marlene e Vaja con Dios, e davvero molte altre. Nel 1962, sotto contratto Durium, nasce, quasi per scherzo, il trio Los Marcellos Ferial con Marcello Minerbi e Carlo Timò, spopolò in classifica con l’hit Cuando Calienta el sol versione italiana dell’omonimo successo dei messicani Los Hermanos Rigual. Nel 1963 Tullio su musica del maestro Codevilla, scrisse il testo di Que No Que no, portata al successo da Mina. Poi arrivarono una hit dietro l’altro, brani destinati a diventare evergreen ancora oggi suonati, cantati e ballati a livello internazionale. Il successo del gruppo li portò a fare concerti in tutto il pianeta, dalla Russia al Giappone, a vendere milioni di dischi e a partecipare a decine di manifestazioni canore tra le più importanti: dal Festival di Sanremo, al Festival di Napoli e al Festival delle Rose, dal Cantagiro al Disco per l’Estate che nel 1964 vinsero con Sei diventata nera.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dal 2 all’11 settembre  dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 domeniche comprese.