“VORREI ESSERE BELEN” intervista al regista ed autore Fausto Petronzio

Una pagina Facebook e presto anche un sito per combattere il “Bullismo”, il “Cyberbullismo,” lo “Stalking” e l’ “Omofobia” sui social

Perché la scelta dei social per promuovere il cortometraggio?

“Il cortometraggio è solo l’inizio di una campagna di informazione e prevenzione che con tutto il mio staff stiamo programmando. Ci teniamo a far si che questo messaggio arrivi a più persone possibili ma soprattutto ai giovani. In qualità di autore posso solo dire che l’ idea per scrivere la sceneggiatura è partita proprio da una riflessione sull’utilizzo che i giovani e giovanissimi ne fanno. Quando ho conosciuto Gabriele Corazza, il protagonista del corto, ho capito subito che il suo modo di relazionarsi con il mondo passava anche attraverso queste nuove forme di comunicazione che a volte però, se non gestite bene, possono diventare un’ arma a doppio taglio. Il nostro obiettivo è far capire alle nuove generazioni che oltre alla realtà dei social network esiste una vita “vera” , degli amici in carne e ossa ma prima di tutto una famiglia da amare e rispettare e sulla quale si può sempre contare”.

Gabriele Corazza - Protagonista di "Vorrei essere Belen"
Gabriele Corazza – Protagonista di “Vorrei essere Belen”

Qual’ è il percorso che farà il cortometraggio?

“In questi giorni stiamo procedendo al montaggio. E’ una fase molto complessa perché bisogna curare tutto nei minimi dettagli per poter ottenere il risultato che tutti noi ci aspettiamo. Il primo passo sarà riuscire a rientrare tra i venti cortometraggi che ogni anno vengono selezionati al Festival del Cinema di Venezia. Ci terrei molto a far vivere questa emozione ai miei giovani ragazzi che si sono impegnati tantissimo in questo progetto non solo come attori ma prima di tutto come persone. Lo presenterò anche ai tanti Festival nazionali e internazionali.”

Il corto ha ottenuto dei Patrocini?

“Sì e di questo ne sono davvero felice e orgoglioso. Devo ringraziare Rino Piccolo il Presidente della Latina Film Commission che oltre a patrocinare il mio progetto ha da subito sposato la causa, mettendomi a disposizione una troupe cinematografica di grandi professionisti ma anche di giovani promettenti. L’altra grande soddisfazione è stata ottenere il Patrocinio dell’A.Ge. Nazionale.”

Come è riuscito ad ottenere il Patrocinio dell’A.Ge. ?

Fausto Petronzio, Fioretta Mari, Fabrizio Azzolini, Alexandra Senise
Fausto Petronzio, Fioretta Mari, Fabrizio Azzolini, Alexandra Senise

“Durante la fase di lavorazione con la mia addetta alle Pubbliche relazioni, Alexandra Senise, abbiamo inviato una mail con il progetto del corto al Dott. Fabrizio Azzolini Presidente dell’A.Ge. Dopo qualche giorno mi ha contattato personalmente e l’ho invitato a venire sul set per assistere alle riprese. Da subito mi ha trasmesso grande serietà e professionalità e quando gli ho parlato del mio impegno nel sociale, che da anni porto avanti attraverso i miei lavori, ha deciso di patrocinare il mio corto e di portarlo da settembre nelle scuole.”

Quali sono i progetti futuri?

“Quando nel 2010 ho creato la Cinema Casting volevo dare un’opportunità a tanti giovani talenti che ho incontrato lungo il mio percorso lavorativo soprattutto grazie alla grande amicizia e alla collaborazione con Fioretta Mari. Non è un caso che tutti e tre i giovani protagonisti hanno studiato recitazione con lei. Questa nuova esperienza come regista mi ha dato la consapevolezza di voler continuare su questa strada e produrre con la Cinema Casting altri progetti per il sociale.”

Clicca qui per andare alla pagina facebook del corto